Rete civica del Comune di Firenze
Indice A-Z
testata per stampa

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

  Home » 3-6 anni » Offerta formativa» Inserimento scolastico disabili
testo piccolo testo mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Inserimento scolastico disabili

Per assicurare il diritto all'istruzione e all’integrazione sociale di tutti, il Comune di Firenze ha firmato un accordo con l’Ufficio Scolastico provinciale, la A.S.L., i Consigli scolastici distrettuali e i Consigli circoscrizionali, in cui si stabiliscono le procedure per l'inserimento scolastico degli alunni diversamente abili nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio fiorentino, sulla base della "Legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale ed i diritti delle persone in situazione di handicap" n.104/92.
Gli elementi più significativi dell'accordo sono:

  • l’attestazione di handicap ai sensi della Legge 104/92, rilasciata dall’ASL (Commissione Villa Fiorita - San Salvi) su richiesta dei genitori. Al momento dell’iscrizione, l'attestazione dovrà essere inoltrata al Servizio Scuola dell’infanzia del Comune per programmare gli interventi adeguati, come l'assegnazione dell’insegnante di sostegno, la valutazione del numero di alunni per sezione e di operatori per l’assistenza scolastica;
  • la diagnosi funzionale, formulata da una o più Unità Operative del Modulo Operativo Multiprofessionale della A.S.L. (M.O.M.), indica le caratteristiche fisiche, psichiche, sociali ed affettive dell'alunno e mette in evidenza le potenzialità esistenti e le difficoltà di apprendimento.
    Individua così le eventuali necessità assistenziali e/o sanitarie e le possibili opportunità extrascolastiche per  garantire l'adeguato sviluppo di apprendimento, comunicazione e socializzazione dell'alunno .
    Mentre l'attestazione di handicap viene aggiornata alla fine di ciascun ciclo scolastico (scuola dell’infanzia, primaria e media), la diagnosi funzionale può essere rivalutata tutte le volte che se ne presenta la necessità;
  • all’inizio di ciascun anno scolastico, l'insegnante impegnato in attività di sostegno, deve prendere accordi con gli operatori della A.S.L. che seguono l'alunno disabile, per la formulazione del profilo dinamico funzionale.
    All'incontro, che si svolge in orario diverso da quello scolastico, partecipano gli insegnanti di sezione, di sostegno ed i referenti della A.S.L. con la collaborazione dei genitori dell'alunno.
    Il profilo dinamico funzionale deve contenere i dati utili all'elaborazione del piano educativo individualizzato (P.E.I.) come:
    - valutazione globale delle capacità
    - livello di apprendimento
    - abilità operative dell'alunno
    - descrizione delle connessioni esistenti fra gli interventi socio/educativi, didattici sanitari ed extra/scolastici.
    Il profilo dinamico funzionale deve essere completato entro il 30 ottobre e inviato in fotocopia al Servizio Scuola dell’Infanzia del Comune, con allegati gli orari di frequenza del bambino e gli orari settimanali dei docenti di sostegno e degli assistenti;
  • il piano educativo individualizzato (P.E.I.), elaborato insieme da insegnanti di sostegno e di sezione, sulla base del Profilo dinamico funzionale dell'alunno, definisce gli obiettivi educativi, i percorsi e le strategie didattiche per raggiungerli e gli eventuali ausili e/o sussidi didattici necessari per facilitare l’apprendimento. 
    Durante l'anno scolastico vengono fatte una verifica intermedia a gennaio/febbraio e una finale a  maggio/giugno, a cui partecipano i docenti della scuola, gli operatori della ASL e i genitori;
  • il gruppo di lavoro sull’handicap per monitorare le esperienze fatte e costruire un centro di documentazione che le raccolga, e per elaborare strumenti che supportino la scuola nell'individuazione dei bisogni dei bambini con difficoltà cognitivo/relazionale.

Tutta la documentazione originale (attestazione di handicap, diagnosi funzionale, profilo dinamico funzionale e piano educativo individualizzato) deve essere inviata, al termine dell'anno scolastico, al Servizio Scuola dell'infanzia del Comune.

Per garantire la continuità educativa, sono anche previsti incontri specifici che facilitano l'inserimento dell'alunno nella scuola successiva.

 
twitterfacebookyoutube

città di firenze
Comune di Firenze
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria
50122 FIRENZE
P.IVA 01307110484

Amministrazione Trasparente: I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla direttiva comunitaria 2003/98/CE e dal d.lgs. 36/2006