Info per le famiglie

Le sezioni delle scuole dell’infanzia comunali sono eterogenee per età; sono cioè formate da gruppi, più o meno pari, di bambine e bambini di 3, 4 e 5 anni.
Possono comunque progettare attività per gruppi di bambini e bambine di pari età secondo il principio delle sezioni aperte, che consente a ogni bambina/o di percepire la scuola come un'unica "comunità educativa".
Ogni sezione prevede la presenza di 2 insegnanti che si alternano durante l'orario scolastico e che, in alcuni momenti della giornata o in altre occasioni laboratoriali, lavorano in compresenza.

L'orario scolastico ordinario è dalle 8.30 alle 16.30.
È possibile richiedere, per specifiche ed effettive necessità, l’ingresso anticipato (7.30-7.40 oppure 8.00-8.10) e/o l’uscita posticipata (16,50-17,00).
La frequenza deve essere continua e non episodica: il Servizio Scuola dell’infanzia si riserva di sospendere l’opzione prescelta se non è rispettato questo criterio.

Le richieste hanno validità annuale e sono soddisfatte solo se viene raggiunto un numero minimo di domande.

Giornata tipo:

7.30 - 8.30: attività per bambini/e iscritti/e all’anticipo orario
8.30 - 9.00: ingresso e accoglienza di ciascun/a bambino/a nella sezione di appartenenza
9.00 - 12.00: attività di routine, cerchio o piazza (esperienze di socializzazione e conversazione nel gruppo), attività didattiche e laboratori
12.00: uscita bambini/e iscritti/e a orario ridotto
12.00 - 13.00: igiene personale e pranzo
13.00 - 14.00: rilassamento e gioco libero
14.00 - 16.00: proseguimento delle attività previste dalla programmazione della scuola
16.00 - 16.30: uscita
16.30 - 17.00: attività per bambini/e iscritti/e al posticipo orario

    L'attività didattico-educativa della scuola dell'infanzia relativa all'anno scolastico 2018/2019 ha inizio il 17 settembre 2018, come da calendario regionale, e si conclude il 28 giugno 2018 (ultimo giorno)

    Il calendario delle festività è così determinato:

    1 novembre: Tutti i Santi

    8 dicembre: Immacolata Concezione

    25 dicembre: Natale

    26 dicembre: Santo Stefano

    1 gennaio: Capodanno

    6 gennaio: Epifania

    21 aprile: Pasqua

    22 aprile: Lunedì dell'Angelo

    25 aprile: Festa della Liberazione

    1 maggio: Festa del Lavoro

    2 giugno: Festa della Repubblica

    24 giugno: Festa Santo Patrono

    Le sospensioni delle lezioni sono:

    Vacanze natalizie: dal 22 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 (compresi)

    Vacanze pasquali: dal 18 aprile al 23 aprile 2019 (compresi)

    La scuola dell’infanzia comunale si avvale di insegnanti costantemente aggiornate/i e formate/i, di coordinatrici e coordinatore pedagogiche/o per ogni plesso, di un coordinamento pedagogico comunale, di un’offerta formativa (PTOF) triennale ma che si declina ogni anno e si integra con il territorio. Il personale docente nelle scuole in appalto è in possesso dei requisiti previsti dalle norme statali vigenti per insegnare nelle scuole d’infanzia e possiede esperienza professionale in servizi educativi o attività educative e didattiche per la fascia di età compresa da 0 ai 6 anni, maturata presso istituzioni scolastiche statali, comunali e/o paritarie. Per una efficace integrazione tra il personale del Comune e quello dell’appalto sono garantite:
    • la compresenza delle insegnanti nelle ore centrali della giornata (a seconda del contratto –scuola o EELL – la compresenza è di 2 o 3 ore)
    • la programmazione delle attività condivisa da tutto il personale della scuola
    • la presenza dell’insegnante del pomeriggio per tutto il tempo pomeridiano (compresi i momenti di attività psicomotoria, inglese, musica e media education svolte a cura di personale educativo)
    • il riferimento di una coordinatrice-referente della ditta, responsabile delle attività organizzativo-didattiche)
    • la compresenza del personale comunale con il personale del Soggetto appaltatore durante il periodo per le attività propedeutiche e dell’ambientamento
    • la compresenza del personale comunale e del personale del Soggetto appaltatore per almeno 5 volte l’anno per consentire le uscite didattiche e di continuità
    Durante tutto l’orario della giornata scolastica le attività complementari e sussidiarie all'attività educativa (quali sorveglianza ed assistenza alle bambine e ai bambini, cura di compiti igienico sanitari compresa l'igiene personale, supporto e collaborazione con il personale docente) vengono svolte da personale dipendente del comune di Firenze.
    Per lo svolgimento dell’attività di ampliamento offerta formativa, il personale educativo è in possesso di titoli di studio o attestati di formazione professionale.

    Il principio dell’inclusione è il valore cui si ispira la scuola italiana e che orienta, di conseguenza, l’organizzazione pedagogica dei Servizi educativi per l’infanzia del Comune di Firenze. Ogni bambino ed ogni bambina sono unici/che nella loro irriducibile singolarità e, pertanto, ad ognuno/a è offerta una risposta adeguata ai particolari bisogni che ognuna/a manifesta.
    Tuttavia, ci sono bambini e bambine che possono manifestare particolari bisogni educativi, definiti come Bisogni Educativi Speciali (B.E.S.), sia perché in condizione di disabilità accertata, ai sensi della Legge 104/92 e sia anche per disagi generalizzati, spesso del tutto transitori, per cause sociali, educative, culturali e psicologiche (Direttiva MIUR del 27/12/2012 e succ. Circolare MIUR nr. 8 del 6/3/2013), ai quali occorre offrire risposte educative adeguate, che prevedano, eventualmente, anche progetti educativo-didattici personalizzati.
    Per quanto concerne bambini e bambine con disabilità certificate ex Lege 104/92 vengono offerti tutti i presidi di sostegno ed educativi di legge, avendo a riferimento le nuove indicazioni operative e metodologiche del modello bio-psico-sociale del documento internazionale di classificazione del funzionamento (ICF-CY del 2007), dal quale emerge la necessità della valorizzazione di tutte le risorse, esplicite ed implicite del contesto scolastico ed educativo, nonché delle professioni operanti nei servizi, affinché ognuno/a possa esprimere al meglio le proprie capacità.
    Per i bambini e le bambine con disabilità certificati/e ai sensi della Legge 104/92, i documenti diagnostico/funzionali ed educativi, cui si farà riferimento, ai sensi del D.Lgs 66/2017,  sono:
    Profilo di funzionamento (in vigore dall’anno 2019) che sostituirà, ricomprendendoli, la Diagnosi funzionale ed il profilo Dinamico Funzionale, alla cui redazione provvede un’Unità di valutazione multidisciplinare, composta da un medico specialista o un/a esperto/a della condizione di salute della persona, un/a neuropsichiatra infantile, un/a terapista della riabilitazione, un/a assistente sociale o un/a rappresentante dell’Ente locale di competenza che ha in carico il/la bambino/a, con la collaborazione delle famiglie. Tale documento è propedeutico al successivo:
    Piano Educativo Individualizzato, elaborato e approvato dai/dalle docenti contitolari di sezione, con la partecipazione dei/delle genitori/trici o di chi esercita la responsabilità genitoriale, delle figure professionali interne o esterne alla scuola, nonché con il supporto dell’unità di valutazione multidisciplinare.
    Per le azioni di Inclusione scolastica, è prevista la redazione annuale di un Piano Annuale per l’Inclusività, in cui sono riportati i punti di forza e di criticità degli interventi di inclusione, con lo scopo di valorizzare al meglio le risorse disponibili.

    Il pranzo nella scuola dell’infanzia costituisce un elemento di forte rilevanza educativa, non solo per ciò che in quel momento è possibile realizzare sul piano degli apprendimenti pratici, ma soprattutto per il valore educativo dello stare insieme. Lo dimostrano i tanti progetti sul cibo e sull’alimentazione presenti nelle nostre scuole e la consuetudine di rendere protagonisti/e i bambini e le bambine con incarichi relativi alle routine (merenda, bagno e pranzo). Un’attenzione che arriva a coinvolgere le famiglie per promuovere un circolo virtuoso tra gusto, nutrizione, conoscenza e piacere di stare a tavola insieme.

    Vaccinazioni: nuove disposizioni
    Per l’anno scolastico/educativo 2018/2019, sul sito della Regione Toscana si trovano  tutte le informazioni per le famiglie, a seguito della circolare congiunta Ministero della salute-Ministero dell’Istruzione.

    Certificazioni mediche in ambito scolastico
    Il certificato medico per la riammissione a scuola dopo una malattia è necessario con un assenza superiore al 5° giorno (il rientro a scuola il 6° giorno non necessita di certificazione); i giorni festivi sono conteggiati solo se a cavallo del periodo di malattia (esempio: 1. inizio assenza venerdì, il rientro a scuola fino al mercoledì successivo non richiede certificato, dal giovedì successivo in poi sì; 2. inizio assenza lunedì, il rientro a scuola il lunedì successivo non richiede il certificato, dal martedì successivo sì).
    In caso di gessature, suture e medicazioni è possibile riammettere a scuola il/la bambino/a con la dichiarazione sottoscritta dai/dalle genitori/trici, a cui deve essere allegato il referto medico. Nel caso si tratti di una riammissione anticipata perché il referto prescrive una prognosi più lunga e qualora nel medesimo certificato non sia specificato che l’alunno/a possa riprendere l’attività scolastica, è necessario richiedere una certificazione medica che determini la possibilità per l’alunno/a di frequentare.

    La Pediculosi (pidocchi)- La circolare ASL e l'autocertificazione
    Tutto quello che c'è da sapere sui pidocchi: come sono fatti, come prevenirli, come eliminarli.

    Rinuncia iscrizione scuola assegnata
    Nel caso in cui si intenda rinunciare all'iscrizione presso la scuola dove il/la proprio/a figlio/a sia stato/a ammesso/a è necessario compilare e sottoscrivere apposito modulo ed inviarlo per email a iscrizioni.scuolainfanzia@comune.fi.it o per fax: 055/2625067

    Richiesta attestazioni
    Per richiedere l'attestato di iscrizione e frequenza per gli usi consentiti dalla legge, il nulla osta al trasferimento presso altra scuola è necessario compilare e sottoscrivere il relativo modulo ed inviarlo per email a iscrizioni.scuolainfanzia@comune.fi.it o per fax: 055/2625067

    Richiesta uscite pomeridiane anticipate
    Per le uscite anticipate è necessario compilare e sottoscrivere apposito modulo e consegnarlo all'insegnante di sezione, che provvederà a sottoscriverlo, ed inviarlo all'ufficio competente per autorizzazione

    Le cose da sapere sulla scuola infanzia comunale
    Sono disponibili, in varie lingue, le Faq sui quesiti più frequenti che le famiglie possono avere sul servizio della scuola dell'infanzia offerto dal Comune di Firenze.

      Pagine correlate

      Scroll to top of the page