Rientro a Scuola: le nuove linee guida Covid-19

Il Ministero dell'Istruzione nei giorni scorsi ha emanato delle nuove linee guida per le scuole con le principali indicazioni per il contrasto della diffusione del Covid-19 dell'avvio dell'anno scolastico.

Di seguito le risposti ai principali dubbi. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.miur.gov.it

No, la mascherina FFP2 sarà indossata solo da personale scolastico ed alunni a rischio (I e II ciclo).

La permanenza a scuola non è consentita 

  • a chi presenta sintomi compatibili con COVID-19
  • a chi ha una temperatura corporea superiore a 37,5°
  • a chi risulta positivo ad un test diagnostico COVID-19
  • CASI SOSPETTI: monitoraggio e rientro all'abitazione
  • CASI CONFERMATI: isolamento, necessario un test negativo per il rientro
  • CONTATTI CON POSITIVI: non sono previste misure speciali nel contesto scolastico
  • Igiene di base ed etichetta respiratoria*
  • utilizzo di mascehrina FFP" e protezione per gli occhi per personale scolastico ed alunni a richio
  • ricambio frequente dell'arioa
  • sanificazione ordinaria e periodica
  • sanificazione straordinaria in presenza di uno o più casi

* Per etichetta respiratoria si intendono i corretti comportamenti da mettere in atto per tenere sotto controllo il rischio di trasmissione di microrganismi da persona a persona, quali ad esempio proteggere la bocca e il naso durante gli starnuti o i colpi di tosse utilizzando fazzoletti di carta

PER I SERVIZI EDUCATIVI PER L'INFANZIA: Sì, in quanto nei bambini la sola rinorrea (raffreddore) è condizione frequente e non può essere sempre motivo di non frequenza o allontanamento dalla scuola in assenza di febbre.

SCUOLE DI I E II CICLO: Sì, gli studenti possono frequentare in presenza indossando mascherine chirurgiche/FFP2 fino a risoluzione dei sintomi ed avendo cura dell’igiene delle mani e dell’osservanza dell’etichetta respiratoria*.

* Per etichetta respiratoria si intendono i corretti comportamenti da mettere in atto per tenere sotto controllo il rischio di trasmissione di microrganismi da persona a persona, quali ad esempio proteggere la bocca e il naso durante gli starnuti o i colpi di tosse utilizzando fazzoletti di carta

Al momento  le persone risultate positive al test  diagnostico  per SARS-CoV-2 sono sottoposte alla misura di isolamento
Per il rientro a scuola è necessario l'esito negativo del test antigenico rapido o molecolare anche in centri privati a ciò abilitati.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda alle circolari del Ministero della Salute 

n . 60136 del 30 dicembre 2021

n 19680 del 30 marzo 2022

No, la normativa speciale per il contesto scolastico legata al virus SARS-CoV-2, che consentiva tale modalità, cessa i propri effetti con la conclusione dell'anno scolastico 2021/22.

No, per accedere ai locali scolastici non è prevista alcuna forma di controllo preventivo da parte delle Istituzioni scolastiche. Ma se, durante la permanenza a scuola, il personale scolastico o il bambino/alunno presenti sintomi indicativi di infezione da SARS-CoV-2 viene ospitato nella stanza dedicata o area di isolamento, appositamente predisposta e, nel caso dei minori, devono essere avvisati i genitori. Il soggetto interessato raggiungerà la propria abitazione e seguirà le indicazioni del MMG/PLS, opportunamente informato.

A titolo esemplificativo, rientrano tra la sintomatologia compatibile con COVID-19: sintomi respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria, vomito (episodi ripetuti accompagnati da malessere), diarrea, perdita del gusto, perdita dell’olfatto, cefalea intensa.

I genitori degli alunni/bambini che a causa del virus SARS-CoV-2 sono più esposti al rischio di sviluppare sintomatologie avverse devono comunicare tale condizione alla scuola in forma scritta e documentata, precisando anche le eventuali misure di protezione da attivare durante la presenza a scuola.

A seguito della segnalazione ricevuta, la scuola valuterà la specifica situazione in raccordo con il Dipartimento di prevenzione territoriale e il pediatra/medico di famiglia per individuare le opportune misure precauzionali da applicare per garantire la frequenza dell'alunno in presenza ed in condizioni di sicurezza.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page